A Laives il programma del PD lo fanno i cittadini

laives_dall_altoRilancio del commercio, meno burocrazia e più chiarezza per urbanistica e lavori pubblici. Bilancio partecipato e mantenimento dell’attuale offerta di servizi. Queste le priorità indicate dai cittadini di Laives nei tavoli d’ascolto e di confronto e che il Partito Democratico inserirà nel programma per le amministrative di maggio.

Uno dei temi più gettonati è stato quello dei servizi ad anziani, famiglie e persone in difficoltà, per i quali i Democratici si impegneranno, nonostante le minori risorse a disposizione dei Comuni, a mantenere intatta l’attuale offerta che è stata giudicata adeguata, anche se migliorabile.

Negli incontri programmatici è stata evidenziata la necessità di procedure chiare e più snelle nei lavori pubblici. Una richiesta che l’amministrazione attuale, guidata dal PD, ha già tradotto in una semplificazione del regolamento edilizio, che verrà a breve approvato dal Consiglio. Nella prossima legislatura verranno realizzate delle carte dei servizi per ogni argomento di facile lettura e comprensione. Compatibilmente con i tempi previsti dalle leggi in corso, tutto questo potrà favorire una minore burocrazia e procedure più snelle.

Sul rilancio del commercio i Democratici hanno le idee chiare e intendono incentivare l’azione dell’amministrazione per realizzare, attraverso la riqualificazione di via Kennedy, un centro commerciale all’aperto.

Infine il PD risponde alla voglia di coinvolgimento attivo nella gestione delle risorse pubbliche con il bilancio partecipato, destinando una quota del Bilancio comunale a progetti che saranno decisi dagli stessi cittadini.

“Siamo molto soddisfatti – sottolinea Alberto Magnanini, segretario del Circolo di Laives – per la buona partecipazione ai tavoli di ascolto e confronto, che ci hanno dato spunti concreti sulle reali esigenze e necessità della nostra città. Non vogliamo disperdere o spegnere questo entusiasmo ed è per questo che organizzeremo iniziative simili anche nel corso della prossima legislatura. Bisogna, infatti, rafforzare la partecipazione e potenziare il rapporto tra amministrazione e cittadini. Solo in questo modo è possibile avvicinare le istituzioni alle persone”.