Di Fede: “la Resistenza è un un punto fermo nella Memoria”

liberazione“Quella del 25 aprile è una ricorrenza che per le democratiche e i democratici ha un valore unico. E’ il ricordo e il giusto tributo a chi ha combattuto, anche in Alto Adige, rischiando o perdendo la vita per la libertà e per la democrazia. E’ anche una celebrazione non retorica e profondamente intrisa di passione di principi fondanti del nostro vivere comune e del nostro orizzonte”. A sottolinearlo è Liliana Di Fede, segretaria provinciale del Partito Democratico.

“Vivremo il 25 aprile – prosegue Di Fede –  nella consapevolezza che la Resistenza è un punto fermo nella Memoria e con lo sguardo rivolto al Mediterraneo, alla drammatica situazione in cui versano migliaia di disperati in fuga dalle oppressioni non dissimili dal nazismo e dal fascimo di cui siamo stati vittime, e alla ricerca di quei principi di libertà e di democrazia, fondamentali, non alienabili e non suscettibili di baratto”.

La segretaria dei Democratici rimarca che “questa democrazia non ci è stata donata su un piatto d’argento, ma è stata conquistata con la lotta e il sacrificio” e ricorda le parole del Presidente Sandro Pertini: “Non si potrà mai parlare di vera civiltà finchè in un angolo della terra vi saranno uomini che muoiono di fame o che si battono per i loro diritti civili, per la loro libertà, per la loro indipendenza”.