Frena: “si proceda spediti con la riforma della Sanità”

ospedale-bolzano-1 Il gruppo Sanità del PD Alto Adige/Südtirol ha incontrato l’assessora Martha Stocker per fare il punto della situazione sulla riforma sanitaria e sulle modifiche alla legge 7.

“Questo confronto urgente – sottolinea Antonio Frena, responsabile Sanità dei Democratici – nasceva dalla necessità di formulare una visione comune tra alleati di governo sulle quattro proposte di modifica della governance sanitaria attualmente allo studio, ma aveva anche lo scopo di presentare all’assessora la proposta originale del PD”

Frena ribadisce che “il PD non si è limitato ad un’attenta analisi delle proposte Svp, ma si è fatto promotore di una sua proposta atta a rafforzare in maniera importante il peso del territorio, inteso come decentramento ed umanizzazione delle cure nelle situazioni non acute. Perplessità è tuttavia emersa riguardo al procedere della riforma: pur rimanendo immutati fiducia e sostegno del PD a Martha Stocker, non convince il percorso accidentato cui la riforma è costretta dall’Assemblea provinciale della Svp”.

“L’esempio – prosegue il responsabile Sanità – della bocciatura di una proposta economicamente e razionalmente virtuosa come quella della fusione tra i comprensori di Bressanone e Brunico, viene letta dal PD come la prova della prevalenza degli interessi di partito rispetto a una riforma che dovrebbe avere il coraggio di cambiare realmente il mondo della sanità altoatesina. L’auspicio comune, espresso al termine della riunione, è quindi quello di proseguire senza interferenze lungo la rotta sottoscritta nei mesi precedenti nei numerosi incontri PD-Svp. Una rotta improntata alla costruzione di una riforma che non sia di facciata, indipendente dalle imposizioni dei potentati politico-economici locali, libera dai condizionamenti dei partiti”.